Archivio mensile: maggio 2016

Il saggio di fine anno

laurea-diploma

Ieri il mio bimbo più grande ha partecipato al suo ultimo saggio di fine anno alla scuola materna! Che emozione!!!Un piccolo rito di passaggio alla scuola elementare che lo aspetta a settembre…

È stato bello vederli emozionati e trepidanti con le loro magliette colorate….cantare canzoncine e divertirsi insieme…io un pochino mi vergogno, ma cavoli, mi sono commossa…bimbi che cantano insieme hanno la capacità di farmi scendere una lacrimuccia..non so perché..cuore di mamma…

E poi, a fine festa gli hanno consegnato un diploma e un cappellino da diplomandi americani!!..e loro erano super orgogliosi!!!Piccoli diplomati alla scuola materna partiranno presto per il loro viaggio alla scuola elementare, e lì mi sono passati davanti gli ultimi 3anni…e ho pensato a quanto sia cresciuto in fretta, a come sia maturato…a come sia diventato indipendente, prudente ma allo stesso tempo vivace, curioso della vita e pronto ad ogni nuova avventura!!I timori e la timidezza di un bimbo di 3 anni lasciano il posto al carattere deciso di un ometto di quasi 6 anni pronto a scoprire il mondo!

E allora via…pronti per una nuova avventura!! L’importante, bimbo mio, è mantenere sempre il cuore leggero è la mente aperta.

Bimbi a cena fuori…non son sempre rose e fiori!

Sabato scorso, io, marito, bimbetti e un’ altra decina di coppie con bimbi (tutti sugli 8/9 mesi tranne 2 fratellini più grandi, abbiamo deciso di farci una”pizzata in compagnia”…quindi una delle mamme ha telefonato per prenotare e precisare che oltre ai posti prenotati per i genitori, avremmo avuto bisogno anche di spazio per eventuali seggiolini ecc….

Bene…i proprietari sono ben disposti e si prenota….

La serata trascorre tranquilla, la pizzeria non è particolarmente piena, i bimbi sono tranquilli..la clientela è formata da coppie con e senza figli…qualche gruppetto di 2 o 3 amici che sorridono guardando i nostri piccoli…assolutamente per niente infastiditi da qualche gridolino o versetto! Addirittura siedono al nostro tavolo, mettendo un separe’, una coppia che continua a sorriderci…Bene, arriva il momento del conto e ci vengono messi in conto 3 coperti in più …quindi, dopo aver chiesto spiegazioni, ci dicono che è perché una coppia all’ultimo minuto, non è venuta…e già lì qualcosa non funzionava…e poi, soprattutto di non azzardarci più ad andare da loro il sabato con tutti quei bambini, perché abbiamo disturbato..fatto troppa confusione…

Allora: ho fatto la cameriera, la barista, la commessa…e ammetto che prima di diventare mamma, qualche bambino particolarmente scatenato o qualche piccolo urlatore, magari mi avrà anche fatto sperare che lui è i suoi genitori se ne andassero al più presto…ma dico mai e poi mai mi sarei permessa di trattare a pesci in faccia una tavolata di gente che, prima di tutto, ha portato un bel gruzzoletto (che in tempi di crisi non va male…) e, santo cielo, un po’di allegria…Ripeto, bimbi urlanti e ingestibili, a volte possono anche disturbare…ma, 10 lattanti…che non parlano né camminano………..mah…

Ah, prima di uscire, una coppia sulla cinquantina si è complimentata con noi per la bella compagnia e i tanti bimbi allegri, a loro dire” così belli da vedere..tutti insieme”…

Traete le vostre conclusioni, io penso che i bambini portino solo allegria…e che ormai selezionare la clientela non vada più di moda ma in tal caso, sarebbe stato preferibile rifiutare la prenotazione con una scusa, anche banale..anziché farci sentire clienti indesiderati…

Detto ciò, penso che abbiano perso qualche cliente.

Dopotutto, per fortuna ci sono parecchie alternative e non credo sarà difficile trovare un’altra pizzeria i cui proprietari siano ben felici d accogliere una tavolata di più di 20 persone…+ tanti bambini!

La prima gita

http://cdn-1.vivalascuola.it/o/j/come-organizzare-una-gita-scolastica_49ffa0936ca09c2b15fe75b5b5e75ab9.jpg

 

Che ansia…stamattina mio figlio è partito per la sua prima gita!!! Andranno a visitare un agriturismo bellissimo, con tanti animali, pranzeranno tutti insieme e torneranno nel pomeriggio…credo che si divertiranno tantissimo…e io sarò in ansia fino alle 4, quando andrò a riprenderlo all’asilo!

La preparazione è inizata qualche giorno fa, con le mille raccomandazioni: ascolta la maestra, sii sempre educato, chiedi per favore e rispondi grazie…ricordati che il bagno non è quello di casa (tralascio le spiegazioni specifiche su come fare pipì e cacca all’occorrenza….). Poi i dubbi su come vestirlo, con cambio di programma last-minute vista la giornata piuttosto freddina…e anche qui :”togli la felpa se fa caldo..tira su la cerniera del giubbino perchè c’è vento..”

Ieri abbiamo preparato lo zainetto, comprato per l’occasione, visto che il suo era arrivato ormai al capolinea…spolverino per la pioggia, fazzoletti e bottiglietta d’acqua!!…avrei voluto farmi piccola piccola per entrarci anch’io e osservarlo da lontano, senza farmi vedere, in questa avventura, per lui, così importante…

Mi ha tranquillizzato lui..che non era per niente agitato, se vuoi un pò emozionato, ma soprattutto entusiasta…”Si mamma..ok mamma…va bene mamma…” probabilmente non avrà neanche sentito le mie raccomandazioni ma va bene così…noi siamo apprensive ma credo sia giusto lasciargli vivere questo momento in serenità, senza troppe pressioni!

Comunque, dopo la fotina di rito…davanti alla porta con lo zainetto, l’ho accompagnato alla scuola materna…bacio…ultime raccomandazioni…”fa il bravo e divertiti….”e sono andata al lavoro…uf…per tutta la giornata penserò ” cosa starà facendo?…si starà divertendo?…avrà caldo..freddo…fame…sete…?” la verità è che sta crescendo troppo in fretta, questa è solo una piccola tappa verso la sua indipendenza e a noi mamme fa sempre un pò commuovere pensare che i nostri passerotti volino, pian piano, fuori dal nido..